• +39 3394069328
  • fbonafe.nutrizione@gmail.com

Biscotti con fiocchi di avena

Biscotti con fiocchi di avena

Come utilizzare i fiocchi d’avena

Consiglio spesso l’utilizzo dei fiocchi d’avena per la colazione, da inserire al posto dei più comuni cereali soffiati e arricchiti con tanti zuccheri. Si possono utilizzare per preparare il porridge, (tipica colazione all’inglese) oppure semplicemente aggiungerli allo yogurt insieme a frutta fresca e secca. A molte persone però non piacciono molto e faticano ad utilizzarli, spesso perché abituati a sapori più dolci e “industriali”. Proviamo allora ad utilizzarli in un modo diverso, in modo da cercare di sfruttare ugualmente le proprietà di questo cereale.

Biscottini con fiocchi d’avena, mela, uvetta, pinoli e cannella.

Adoro lo strudel di mele e spesso mi trovo a cercare di preparare dolci che in qualche modo ne ricordino il sapore. Nulla vieta di sostituire alcuni che ho proposto in questa ricetta con altri simili, mantenendo come base i fiocchi d’avena.

Utilizzare i fiocchi d’avena come base per questi biscotti consente di renderli ricchi di fibre che, insieme alla cannella, aiutano a controllare il picco glicemico. I betaglucani dell’avena possono invece contribuire a gestire meglio l’assorbimento del colesterolo (sono proprio quelli che vengono aggiunti agli yogurt da bere pubblicizzati come regolatori del colesterolo plasmatico!). Frutta fresca e secca conferiscono dolcezza permettendo di ridurre la quota di zucchero aggiunto.

L’utilizzo della fecola di patate e dei fiocchi di avena, entrambi naturalmente privi di glutine, rendono questi biscotti adatti anche a chi ha una intolleranza non celiaca al glutine. Se invece vengono utilizzati da chi è affetto da celiachia è bene controllare che tutti gli ingredienti abbiano sulla confezione il simbolo della spiga barrata per essere sicuri che non ci siano contaminazioni legate al processo produttivo

Download

Francesca Bonafè

Invia il messaggio